CONDIVIDI

Episodio raccapricciante questa mattina presso l’ex colonia Stella Maris di Montesilvano. Secondo le prime ricostruzioni dell’accaduto, un uomo di 45 anni, di origine tunisina, si è introdotto nel cortile della struttura e si è dato fuoco intorno alle ore 12:30.

La scena e’ avvenuta sotto gli occhi di quattro persone e una di queste, Valerio Simeone, si e’ subito attivato utilizzando un estintore che aveva in macchina ma non e’ stato sufficiente a salvarlo, nonostante la tempestività dell’intervento. Stando proprio al racconto di Simeone, che passava di li’ e ha notato le altre tre persone in prossimità della ex colonia, l’uomo era seduto a terra sul prato.

“Ha inveito per un po’ poi si e’ alzato, si e’ dato una sistemata, e si e’ buttato addosso una bottiglia contenente liquido trasparente e dopo pochi secondi si e’ dato fuoco. C’e’ stata una fiammata, con del fumo nero”, e in pochi secondi Simeone gli ha “scaricato il contenuto dell’estintore addosso, spegnendo le fiamme più grandi, ma non c’e’ stato niente da fare”. Sul posto sono intervenuti i carabinieri, che si stanno occupando dei rilievi, i vigili del fuoco, la Polizia Provinciale e il 118. Ancora transennata intorno l’intera area nella quale, almeno sino alle ore 15.15, era ancora presente il corpo dell’uomo, coperto da un lenzuolo. Si ignorano, al momento, i motivi del gesto

CONDIVIDI