CONDIVIDI

Ricordate Rebeka? Vi avevamo già parlato di questa ragazza francavillese d’adozione.  Colpita da un tumore osseo molto raro che si è formato sulla parte del cranio detta “Clivus”, posizionato in una zona difficile da raggiungere, Rebeka aveva raccolto la solidarietà dell’intera collettività abruzzese. Dopo 2 anni di ricerche, visite e consultazioni molto costose si è provata la strada, tramite anche l’aiuto di una raccolta fondi, per far ricoverare la ragazza presso l’unica struttura sanitaria che dispone degli strumenti e della tecnologia necessari grazie ai quali garantisce al 100% la rimozione del tumore in questione a Pittsburgh (USA). Serviva un deposito iniziale di 80.000 USD (dollari americani) per coprire solo l’intervento chirurgico. Viaggio per gli Usa fatto e…Finalmente possiamo sorridere con lei.

Casa, finalmente a casa. Rebeka e la sua famiglia sono rientrati da Pittsburgh, con notizie più che confortanti.Ora riposo e, tra sei mesi, nuovo visita di controllo. “I vostri sforzi, le vostre donazioni sono arrivate a casa Radic e altre stanno arrivando ancora per supportare la famiglia nelle continue spese da sostenere”, si legge nel comunicato stampa diramato dal gruppo di volontari che si è prodigato per la causa, capeggiato da Nicola Spadaccini e Raffaele D’Amario. “Rebeka, per voce della mamma Vesna e del papà Denis, continua a ringraziaci, idealmente siamo tutti insieme in un solo e grande abbraccio”, si legge ancora nella nota. “Lieti di avere potuto dare il nostro piccolo contributo, e nel fare i nostri migliori auguri a Rebeka, cogliamo l’occasione per ringraziare i tantissimi amici che hanno sostenuto e  partecipato alla raccolta fondi, promossa attraverso la pagina facebook.Un ringraziamento particolare lo dobbiamo a “Il Chicco d’Oro”  e la parrucchiera “Loredana” di Francavilla, l’Agenzia Suiss di Sambuceto ed i ragazzi del “Gruppo scout di Francavilla”

 

CONDIVIDI