CONDIVIDI

FRANCAVILLA AL MARE – Premio Eco-Solidarity Award 2014. Lo ha ricevuto il Comune di Francavilla al Mare, da parte di Humana, “per la generosità dimostrata nel 2014 dai francavillesi attraverso la donazione degli abiti usati”. Il nostro Comune, infatti, si è classificato al primo posto nella provincia di Chieti in rapporto tra chili di indumenti usati donati e numero di abitanti: 3,7 Kg per abitante.

Il premio Eco- Solidarity Award è il premio che Humana conferisce agli Enti pubblici e alle Aziende per la raccolta degli abiti usati: la denominazione inglese vuole comunicare l’internazionalità del premio.

Il nome Eco- Solidarity, inoltre, pone l’accento sulla valenza ambientale e sociale della raccolta dei vestiti usati e viene assegnato alle Amministrazioni e alle Aziende che hanno raggiunto i migliori risultati in termini di qualità assoluta dei vestii usati e rapporto tra chili e numero di abitanti.

“Il premio – si legge nella motivazione di Humana – evidenzia l’attenzione che i cittadini di Francavilla pongono agli scopi sociali e ambientali della raccolta degli abiti usati”.

Ecco i benefici del progetto “Humana. People to people day: our climate, our challenge” nel 2014:

Benefici sociali: 42 progetti sostenuti nel Sud del Mondo e numerose azioni di sensibilizzazione e interventi di educazione alla mondialità nelle scuole; 1.387.111 euro di contributo ai progetti nel Sud del Mondo; 1.212.000,3 chili di vestiti spediti in Congo, Mozambico, Malawi e Zambia per un controvalore economico di 723.073 euro.

Benefici ambientali: 62,4 milioni di chili di anidride carbonica non emessi, pari a oltre 3,1 milioni di alberi piantumati; 104 miliardi di litri d’acqua risparmiati, pari a oltre 41mila piscine olimpioniche; 3,4 milioni di chili di pesticidi e oltre 5,2 milioni di chili di fertilizzanti risparmiati

Beneficio economico: 2,6 milioni di euro risparmiati dai cittadini per il non conferimento in discarica di vestiti usati.

“La lotta ai cambiamenti climatici e ai loro effetti devastanti – dichiara il Sindaco di Francavilla al Mare, Antonio Luciani – passa anche attraverso la tutela delle risorse naturali e il riutilizzo diventa quindi una pratica indispensabile. Gli abiti usati recuperati possono abbattere, infatti, i costi ambientali ed economici, generare attività produttive nel Nord e nel Sud del Mondo e consentire la realizzazione di progetti sociali. In tal senso – conclude il primo cittadino -, la nostra città rappresenta un esempio virtuoso di solidarietà, tutela ambientale e risparmio economico”.