CONDIVIDI

Non ci fu alcun accordo corruttivo. In 50 pagine la sentenza che ha smontato le accuse a carico dei politici e imprendiotri conivolti nell’inchiesta Re Mida su una presunta rifiutopoli abruzzese