CONDIVIDI

Archeoclub commenta il recente sequestro di una cava a Rapino. Può rappresentare una svolta contro chi deturpa il paesaggio, l’ambiente e le aree archeologiche abruzzesi