CONDIVIDI

Nel pomeriggio di ieri 5 marzo alle ore 17.00 circa una pattuglia della Squadra Volante in transito presso la via Gabriele D’annunzio notava un furgoncino parcheggiato innanzi al sagrato della Cattedrale con all’interno, alla guida del mezzo, un anziano signore che veniva brutalmente colpito con pugni al volto da un altro soggetto, poi identificato per Francesco Mestrangelo, 47 enne di Pescara, pregiudicato per aver commesso numerosi reati contro la persona ed il patrimonio. Il malfattore si era appena introdotto nel furgoncino, approfittando del finestrino aperto, ed aveva afferrato al collo con una mano l’anziano, G.D. nato a Pescara 81 anni fa, colpendolo con l’altra con pugni diretti al volto. I poliziotti notavano che mentre l’anziano veniva colpito, il Mestrangelo tentava di afferrare un sacchetto poggiato sul cruscotto del veicolo contenente una piccola somma di denaro contante (5-6 euro). La scena si stava consumando sotto gli occhi di alcuni passanti e testimoni, presenti all’angolo di via dei Bastioni per visitare il mercatino delle pulci. I poliziotti intervenivano prontamente, anche per evitare ulteriori tragiche conseguenze per l’anziano, che stava subendo, impotente, colpi alle tempie, agli zigomi ed alle orecchie, dalle quali fuoriusciva del sangue. Bloccato ed immobilizzato dagli agenti, il Mestrangelo si accaniva contro di loro, scalciando e cercando di divincolarsi per fuggire e colpendo a testate il finestrino della volante.  L’anziano malcapitato veniva quindi portato al Pronto Soccorso, dove gli veniva diagnosticato un “trauma contusivo in sede temporale/auricolare con prognosi di giorni 5”. I poliziotti traevano in arresto in flagranza di reato il Mestrangelo, per tentata rapina aggravata e lesioni personali ai danni dell’anziano. In mattinata odierna avrà luogo la convalida dell’arresto ed il giudizio direttissimo.