CONDIVIDI

Non si sono limitati solo al fine settimana trascorso i controlli da parte dei Carabinieri della Compagnia di Pescara che, anche in questo weekend, hanno stretto la presa sul territorio: 2 arresti e 3 denunce a piede libero.

Anche qui il dispositivo ha visto un impiego massivo di militari sul territorio, prevenendo, nel contempo, la commissione di reati: sottoposte a controllo più circa 350 persone a bordo di oltre 200 mezzi, elevate contravvenzioni al Codice della strada, sequestrati veicoli ed effettuate decine di perquisizioni personali e domiciliari.

Questi i risultati più evidenti:

  • i Carabinieri della Stazione di Pescara Scalo hanno tratto in arresto, nella flagranza del reato di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti, Correntini Roberto, pescatore 44enne, al quale, nel corso di una perquisizione domiciliare d’iniziativa, sono stati trovati e sequestrati circa 2 etti e mezzo di hashish, già suddivisi in dosi, nonché un coltellino utilizzato per il taglio della sostanza ed un bilancino elettronico di precisione;
  • sempre gli stessi Carabinieri hanno tratto in arresto, nella flagranza del reato di evasione, Giandomenico Iania, 37enne del luogo, notato aggirarsi tranquillamente in strada, seppur sottoposto agli arresti domiciliari, senza alcun titolo autorizzativo;
  • i Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile, invece, hanno deferito in stato di libertà all’Autorità Giudiziaria una 59enne pescarese, poiché, a seguito di perquisizione domiciliare, è stata trovata in possesso, senza giustificato motivo, di alcuni proiettili calibro 12 inesplosi e perfettamente conservati, ed un 33enne residente a Pineto, poiché trovato in possesso di numerose barrette di cioccolato rubate poco prima dagli scaffali espositori di un supermercato;
  • i Carabinieri della Stazione di Spoltore, infine, hanno denunciato una 40enne di pescara per furto aggravato, in quanto, al termine degli accertamenti, è stata individuata quale responsabile del furto di diversi capi d’abbigliamento, per un valore complessivo di 120,00 euro, commesso in un noto esercizio pubblico.
CONDIVIDI