CONDIVIDI

E’ stata presentata oggi, 9 gennaio, l’etichetta ad edizione limitata non commerciale “Il vino immerso nell’arte”, realizzata per la Cantina Zaccagnini dalla studentessa dell’Università “G. D’Annunzio” Chieti Pescara, Giuseppina Totaro. L’etichetta, prendendo spunto dalle molteplici opere di Carlo Summa presenti in Cantina, raffigura una sequenza ascendente di colori all’interno di diversi calici, mettendo in risalto il calice rosso del vino il più importante poiché simboleggia il cuore pulsante.

Gianluca Zaccagnini ha sottolineato l’importante risultato che Impresa In Accademia 2017 continua a realizzare nel tempo rafforzando un robusto e virtuoso sodalizio tra il mondo delle imprese e quello della formazione.

“Si tratta di un percorso formativo ideato ed attuato dal Gruppo Giovani Imprenditori di Confindustria Chieti Pescara da 7 anni – dice il Presidente del Gruppo, Federico De Cesare – che intende fornire allo studente gli strumenti utili nella conoscenza delle proprie potenzialità e nella definizione del proprio percorso di crescita e di realizzazione professionale e personale”.

Oltre 300 studenti, 17 aziende partner, 11 laboratori e workshops attivati in Università, in Confindustria e presso le Aziende, per un totale di 60 ore di formazione gratuite. Rispetto alle precedenti edizioni dal 2011 al 2017 si registra una significativa evoluzione: dei 150 partecipanti ai workshop, 25 studenti hanno superato le selezioni e svolto l’intero percorso di workshop e laboratori, 13 gli stage trimestrali attivati presso le aziende COBO SUD – divisione CIAM SpA, Cristiano Fino, Ecoh Media, F.lli Sisofo, Galeno RP, Taim srl, Talentform Abruzzo srl, Taumat, Technology Services, Top Solutions.

Marco Tiberio di FEDERMANAGER Abruzzo e Molise e Damiano De Cristofaro, Presidente dellAssociazione CREALAVOROGIOVANI hanno assegnato il primo premio del valore di 1000 euro alla studentessa di Economia ed Informatica per l’impresa Federica Petaccia, che ha svolto lo stage presso la F.lli Sisofo, sotto la guida di Francesca Sisofo. Quest’ultima – in collegamento Skype dall’Australia – ha evidenziato l’impegno che la vincitrice ha messo nel portare a termine il percorso, proponendo uno studio sulla “Digital Transformation”. Partendo dall’analisi del workflow relativo all’assistenza tecnica e alla multifunzione ha integrato le nuove tecnologie nei processi aziendali ai fini di creare valore e ottimizzare i processi.

Al secondo posto è risultato il progetto di Giorgio D’Agnillo, che ha svolto lo stage in COBO SUD – Divisione CIAM SpA e al terzo posto le studentesse Giada D’Alleva e Giulia Sebastiani, che hanno svolto lo stage presso l’azienda Galeno RP di Ortona. Hanno ricevuto in premio tre borse di studio – a copertura totale – per la frequenza di un corso di specializzazione in “Export Management & International Marketing 2.0”, promosso da Top Solutions di Alessandro Addari, in collaborazione con la LFC. 

Durante la conferenza è stato descritto il valore aggiunto della selezione che il partner Randstad ha realizzato nell’individuare i venticinque partecipanti al percorso ed i successivi tredici finalisti. “Lo dimostra – dice Luciana La Verghetta, Sales Manager Randstad HR Solutions in collegamento skype dalla sede di Bologna – il fatto che la conclusione degli stage ha già segnato tre prosecuzioni dello stage in tre aziende ospitanti (Ecoh Media, Technology Services e Talentform Abruzzo srl)”.

Le conclusioni sono state affidate al Direttore Generale di Confindustria Chieti Pescara, Luigi Di Giosaffatte, il quale ha sottolineato con orgoglio l’altissimo valore dei progetti presentati dai finalisti della VII edizione di Impresa IN Accademia. Un’edizione in cui ancora una volta ha prevalso il merito, un valore che Confindustria riconosce ai giovani che in un contesto così difficile continuano a studiare ed a credere nel futuro.