CONDIVIDI

Un gran gol di Ricci nel finale regala successo e tre punti al Chieti che regala il momentaneo secondo posto solitario ai neroverdi.

Dopo una buona partenza degli ospiti i teatini guadagnano terreno rendendosi pericolosi nella seconda metà di frazione con una punizione di Lalli che centra la traversa. Nella ripresa Chieti padrone del campo, ma manovra troppo lenta con molti retropassaggi. Ma allo scadere un colpo di Ricci risolve la situazione ai padroni di casa.

Marino conferma a lunghe linee la formazione della settimana scorsa, c’è solo la variante di Marinelli che viene impiegato dal 1’ al posto di Catalli non al meglio della condizione a causa di un problema all’adduttore, ma che viene impiegato nella ripresa. Mentre Cipolletti recupera Gizzi e Del Monte, ma deve fare a meno di Durante, appiedato dal Giudice Sportivo.

La cronaca

Al 3’ annullato un gol a Ndiaye, su cross di Gizzi, per una posizione di off side. Al 28’ Ndiaye dalla destra mette in mezzo per Di Stefano che in scivolata prende la parte esterna della rete. Al 33’ replica il Chieti che con Lalli su punizione battuta centralmente che si stampa sulla traversa.

Nella ripresa al 10’ una punizione rasoterra del neo entrato Catalli è bloccata da Recchiuti. Al 14’ ancora il numero 10 neroverde da poco fuori area a fil di palo manda a lato. Al 17’ Gizzi dalla distanza manda sul fondo. Al 27’ Catalli riceve da Marinelli, ribatte in angolo l’estremo ospite. Al 45’ il vantaggio del Chieti: sugli sviluppi di un angolo battuto sulla destra da Catalli, conclusione a giro di Ricci del limite che si insacca sotto l’incrocio dei pali.

Le dichiarazioni dei due allenatori

Umberto Marino (allenatore Chieti): “Di partie semplici non esistono perché ad esempio il Martinsicuro ha perso in casa con il Cupello, questo è il vero campionato, quello del girone di andata era una barzelletta in confronto al ritorno. Se andiamo a farcii conti il Chieti è l’unica squadra che ha fatto quasi gli stessi punti del Giulianova, anzi da quando sono arrivato c’è qualcuno che sta dicei punti indietro. Ora ci sono le vere partite, contro queste squadre non dobbiamo pensare di andare a vincere 4/5-0, ma sono tutte partite difficilissime che si vincono con carattere, le abbiamo tentate tutte. Io penso che la vittoria la squadra l’abbia meritata perché anche se non abbiamo fatto una grandissima partita sul piano del gioco, ma sul piano della volontà e del crederci fino in fondo penso che la squadra abbia ampiamente meritato la vittoria. Siamo una squadra che deve soffrire tutte le domeniche per vincere le partite, affrontare queste squadre è più difficile di giocare con il Martinsicuro e con le altre squadre di vertice, hanno fatto una grande partita per quelle che sono le loro caratteristiche, sono stati bravissimi a fare tutto quello che potevano fare, però quando c’è una pressione di 50/60 minuti ci si deve aspettare che qualcosa possa succedere. C’è stato un eurogol di un difensore, però è anche vero che abbiamo rischiato qualcosa, quando faccio un certo tipo di modulo posso ad esempio concedere le fasce, ma so che quando la palla va lì davanti ci sono comunque giocatori che possono trovare la giocata in qualsiasi momento. Siamo stati arrembanti, non sempre lucidissimi e logici nelle giocate però la vittoria è stata ampiamente meritata. Sono stati bravi gli avversari a metterci in difficoltà, dobbiamo pensare che il calcio è una guerra, c’è un avversario che ha una sua tattica, sono in fin di vita calcisticamente parlando e quando si è in fin di vita ci si aggrappa a tutto. Noi siamo una squadra che soffrirà tutte le domeniche però quando arrivanoi risultati benvenga la sofferenza, noi siamo l’unica squadra, o una delle poche, che ha mantenuto lo stesso ritmo dell’andata considerando che adesso i punti le fanno le piccole e non le squadre di medio-alta classifica. I miei sono ragazzi da elogiare, poi il Montorio ha fatto una grande partita, ho fatto anche i complimenti al loro allenatore perchèè così che si gioca in queste condizioni di partita e noi abbiamo meritato la vittoria perché è dura vincere con queste squadre. Adesso in vista della sosta ci riposeremo qualche giorno perché abbiamo lavorato tanto, noi lavoriamo 24 ore al giorno per il Chieti e facciamo il nostro lavoro con grandissima professionalità e i risultati sono sotto glio occhi di tutti”.

Sabatino Cipolletti (allenatore Montorio ’88): “Purtroppo è andata così, l’errore del singolo ci sta condizionando il campionato, almeno da quando sono arrivato io, è una rosa competitiva, mi devo assumere per forza le responsabilità. Sono cose che proviamo durante la settimana, bastava stare solo un po’ più attenti e non avremmo preso gol. Dall’altra parte avevano la possibilità di buttare dentro Catalli e Margarita, noi dovevamo per forza passarci la palla, siamo ripartiti tante volte, noi tante volte abbiamo sbagliato l’ultimo passaggio e non è una cosa secondaria, abbiamo avuto più occasioni di loro. L’ingresso di Catalli gli ha dato più qualità là davanti, ma allo stesso momento ci ha dato la possibilità di entrare con più facilità rispetto al primo tempo, peccato che sia finita così. È chiaro che c’è rammarico per il gol annullato, vorrei rivedere l’azione, perché è normale che una cosa è partire in vantaggio 1-0 e un’altra cosa è stare 0-0”.

Tabellino

Chieti: Salvatore, Ricci, Fruci (37’ st Giannini), Selvallegra (37’ st Felli), Sassarini, Simonetti (31’ st Limoneti), Marinelli (28’ st Margarita), Leone, Calderaio (6’ st Catalli), De Fabritiis, Lalli A disposizione: Massa, Ferrante Allenatore: Marino

Montorio ’88: Recchiuti, Del Monte (8’ st Maselli/37’ st Baldassarre), Gizzi, Zurita, Corbo, Marini, Pavone (13’ st Cerasi), Colacioppo, Ridolfi 24’ st Lombardi), Ndiaye, Di Stefano (31’ st Islamovski) A disposizione: Digifico, Furia Allenatore: Cipolletti

Arbitro: Di Sante Marolli (sezione di Pescara)

Assistenti: Nappi (sezione di Pescara) e Caporali (sezione di Pescara)

Marcatori: 45’ st Ricci

Ammoniti: Leone, Sassarini (C) Ridolfi, Marini (M)

Espulsi: nessuno

Note: recupero 2’ pt 3’ st, angoli 8-2 per il Chieti

Paul Pett