CONDIVIDI

Termina con una vittoria in rimonta per giunta in inferiorità numerica il capionato del Francavilla che al Valle Anzuca piega 1-2 il Monticelli che retrocede in Eccellenza non riuscendo ad agganciare i play out. A siglare la rete del momentaneo vantaggio dei marchigiani è l’ex Guido Galli che nella città adriatica ha lasciato il segno, lo dimostrano gli applausi del pubblico di casa che lo hanno accompagnato alla sua uscita dal campo.

Per tratti ritmi blandi ma nell’arco dei 90’ le emozioni e gli episodi non sono mancati con l’incontro che è stato deciso soltanto allo scadere. Nella parte finale del primo tempo il Francavilla rimane in dieci per l’espulsione di Di Cecco che viene spedito negli spogliatoi per un fallo di reazione. Così nella ripresa il Monticelli riesce a trovare il vantaggio con l’ex Galli al 12’, ma i gialorossi ribaltano il risultato con il subentrato Silvestri e Banegas in pieno recupero.

Nel Francavilla out gli infortunati Milizia, Di Pinto e Romeo. Invece nel Monticelli assente il solo Bracciatelli. Il Francavilla ritrova l’ex Galli

La cronaca

Al 4’ sugli sviluppi di un calcio di punizione Vallorani da pochi passi di testa manda di un nulla a lato. Al 9’ replica il Francavilla con Banegas che appoggia per Aleksic che impegna in due tempi Marani. Al 19’ cross teso di Di Pentima dalla sinistra che taglia tutta l’area, Aleksic non ci arriva per un soffio. Al 23’ è Galli a mettere pericolosamente in mezzo per Margarita sul qualche esce tempestivamente Spacca. Al 27’ reclamano gli ospiti per un presunto mani in area di Di Cecco su una conclusione di Galli. Al 31’ Banegas ci prova da fuori, la sua conclusione va di poco sul fondo. Al 39’ Francavilla in dieci: rosso diretto a Di Cecco per un fallo di reazione su Margarita che rimedia un giallo. Espulso anche il tecnico del Monticelli Stallone per proteste.

Nella ripresa al 2’ tirocross di Vallorani, respinge Spacca. Al 4’ Banegas dalla distanza manda di poco sopra la traversa. All’8’ Banegas appoggia per Palumbo che da ottima posizione manda clamorosamente a lato. Al 10’ su una buona conclusione di Gesuè si supera Spacca che devia in angolo. Sugli sviluppi dello stesso corner il Monticelli passa in vantaggio con Galli che di testa trova la deviazione vincente mettendo a segno il classico gol dell’ex e non esulta. Al 30’ Aleksic si accentra, la sua conclusione dal limite va di un nulla sul fondo. Al 32’ una punizione di Bassini battuta centralmente si stampa sulla traversa. 1’ dopo il Francavilla pareggia i conti con il subentrato Silvestri che riceve da Aleksic e batte a rete.  Reagiscono gli ospiti: al 36’ il subentrato Ciabuschi in girata si fa bloccare la conclusione da Spacca. Ma i giallorossi tornano in avanti: al 45’ Banegas serve Aleksic che  si accentra e dal limite spreca mandando di poco fuori. 1’ dopo arriva il vantaggio del Francavilla con un capolavoro balistico di Banegas che raccoglie una ribattuta della retroguardia ospite e con una conclusione a giro insacca sul secondo palo.

Le dichiarazioni dei due tecnici

Pierluigi Iervese (allenatore Francavilla): “Ci tengo a ringraziare i ragazzi perché sono stati fantastici, nei momenti difficili hanno sempre reagito alla grande e ne abbiamo avuti tanti. Voglio ringraziare il mio presidente perché mi ha dato la possibilità e la fiducia di poter allenare in una società così solida e così importante. Siamo partiti il 2 agosto ed il mio presidente mi ha chiesto in tre anni di raggiungere la serie C e di creare una struttura tecnica ed un settore giovanile importante. Posso solo ricordare che a Francavilla per fare il settore giovanile eravamo con quattro ragazzini il 2 agosto, non riuscivamo a fare nemmeno le categorie Giovanissimi, Allievi e Juniores, grazie alla possibilità che mi ha dato il presidente sono riuscito a creare uno staff molto valido di persone serie dove siamo partiti nel riorganizzare come prima cosa il settore giovanile. Questo perché per creare una società importante ed una squadra importante e per puntare alla serie C ci vuole un settore giovanile organizzato e di valore. Voglio ringraziare soprattutto tutti i miei collaboratori, molti facevano parte del gruppo della Pescara Calcio, ho avuto la fortuna di portarli con me, li voglio ringraziare, in particolar modo Marco Ciannavei, insieme a lui abbiamo riorganizzato tutto il settore giovanile insieme al mio staff portando diversi ragazzi Juiores che stavano con me a Pescara e voglio ringraziare soprattutto i tecnici bravi dei  Giovanissimi e degli Allievi che hanno fatto un ottimo lavoro. Così come voglio far ei complimenti a Fabio Ferraresi che con la Juniores andrà a fare le finali nazionali. Questo è un motivo d’orgolgio per me perché con questo presidente abbiamo recuperato un settore giovanile importante dove molti ragazzi della Juniores saranno pronti a fare il campionato l’anno prossimo con la prima squadra  dove ci sono ragazzi come Baba e Paravati che vengono seguiti da squadre di serie A. Al presidente avevo detto che saremmo anche riusciti a realizzare il nostro sogno che era quello di arrivare ai play off, questo mi dispiace tantissimo perché siamo arrivati ad un soffio, però posso dire che abbiamo creato una struttura tecnica importante, il progetto tecnico lo abbiamo realizzato alla grande e sono convinto che in tre anni, e forse anche prima, come voleva il presidente, riusciremo a fare il salto in serie C. Spero che il nostro presidente abbia ancora la voglia e l’entusiasmo per proseguire questo progetto perché è veramente molto bello dove abbiamo dato veramente tanto impegno. Il ringraziamento va a tutto il mio staff, sono ragazzi che hanno dato l’anima. Il 2 agosto non avevamo nemmeno i palloni, quando le altre squadre erano in ritiro noi non avevamo nemmeno due giocatori, quindi è stato veramente un lavoro molto duro, però con un team valido siamo riusciti veramente a fare un lavoro meraviglioso che avremmo potuto terminare con la ciliegina sulla torta raggiungendo i play off. Però sono convinto che con questa struttura tecnica, con qualche piccolo miglioramento, si possa ambire a qualcosa di importante già dall’anno prossimo. Il meglio deve ancora arrivare perché se si crea una base solida da lì si possono costruire cose importanti e noi dobbiamo farlo senza parlare nonostante ci siano persone che cercano di screditare il nostro lavoro ma noi non le vogliamo nemmeno considerare, abbiamo la fortuna di avere un presidente che è un imprenditore e riesce a valutare il lavoro perché riesce a capire l’organizzazione che si dà ad una squadra di calcio, ad un settore giovanile e di conseguenza ad un’azienda. Noi lo abbiamo fatto molto bene e sono contento, ci tengo a ringraziare ancora i miei ragazzi, un gruppo meraviglioso, fantastico e che ha sempre seguito quello che volevo e il campo lo ha dimostrato”.

Nico Stallone (allenatore Monticelli): “Diciamo che oggi la palla del 2-0, con la traversa presa da Bassini e altre due o tre palle con cui potevamo chiudere la partita in quel momento del secondo tempo grazie anche alla superiorità numerica potevamo portarla in porto, è un po’ la dimostrazione di quello che è successo tutto l’anno. Nel calcio oltre alle influenzabilità proprie, e noi ne abbiamo tante, abbiamo chiesto un messaggio di grande etica sportiva ed il San Marino ha dimostrato di averla, purtroppo la Sangiustese ha perso ma in un campo difficile come quello di Agnone ci può stare. Oggi abbiamo dimostrato che un pizzico di fortuna durante l’anno non c’è mai stata perché esistono degli anni in cui ti gira tutto male. Però è anche vero che se l’abbiamo persa nei minuti di recupero abbiamo provato il tutto per tutto mettendo la doppia punta centrale e passando ad un attacco a quattro, però è anche vero che il Francavilla rimane una grande squadra fatta di giocatori che appena gli lasci un piccolo spazio possono mettere in difficoltà qualsiasi squadra. Noi abbiamo fatto un ciclo di cinque anni storico, epico e anche questa retrocessione fa uscire secondo me la squadra a testa alta, una squadra che è passata dalla Promozione all’Eccellenza alla serie D, ha fatto due anni in cui ha rischiato anche di andare ai play off di serie D. Quest’anno abbiamo avuto grandi difficoltà economiche, societarie, oggi siamo venuti con auto e pulmini da nove persone ed è la dimostrazione che i ragazzi sono stati un po’ lasciati soli tutto l’anno, io credo che in ogni caso rappresenti un miracolo nella sua eccezione. Mi sento di ringraziare il mio capitano e tutti i miei giocatori che hanno dato tutto per tutto l’anno, mi sento d ringraziare gli uomini della società, siamo andati avanti con un budget di 10 mila euro al mese e onore ai giocatori che hanno lottato fino all’ultima giornata e al mio staff tecnico, li ringrazio perché stiamo facendo volontariato. Oggi volevamo uscire a testa alta con una vittoria, forse lo potevamo fare, ma alla fine non sarebbe cambiato niente. Spero che la favola del Monticelli non finisca, rappresenta una di quelle favole dello sport dilettantistico com’è stato il Francavilla nei suoi fasti del passato, sono quelle realtà che fanno bene al calcio e il Monticelli in questi anni ha scritto pagine importanti e rappresenta il bello del calcio dilettantistico, quello vero, quello puro”.

Tabellino

Francavilla (3-5-1-1): Spacca, Fiore (28’ st Di Pietrantonio), Sembroni, Palumbo (17’ st Fofana), Aleksic, Mele, Sanseverino (12’ st Di Renzo), Di Cecco, Banegas, Di Pentima (1’ st Silvestri), Mancini (1’ st Sonnini) A disposizione: Fargione, Procida, Mauro, Sall Allenatore: Iervese

Monticelli (5-3-2): Marani, Aloisi, Bassini (40’ st Petrarulo), Sosi, Pierantozzi, Vallorani, Gabrielli (30’ st Cocchieri), Fazzini, Galli (24’ st Ciabuschi), Margarita, Gesuè (40’ st Marra) A disposizione: Pantaloni, Castellana, Bruni, Crescenzi, Muci Allenatore: Stallone

Arbitro: Costanza (sezione di Agrigento)

Assistenti: Mancini (sezione di Empoli) e Toce (sezione di Firenze)

Marcatori: 12’ st Galli, 33’ st Silvestri, 46’ st Banegas

Ammoniti: Sonnini (F) Margarita, Vallorani (M)

Espulsi: Di Cecco (F) Stallone (allenatore Monticelli)

Note: recupero 2’ pt 6 st, angoli 1-6 per il Monticelli

Paul Pett