CONDIVIDI

E’ iniziato il conto alla rovescia per la quinta edizione di Italia Gioca: tra circa 24 ore l’Abruzzo accoglierà l’evento ludico-sportivo nazionale che mette in sfida 14 regioni italiane.

Pescara è pronta a fare festa con le squadre che, dal 5 al 7 luglio, animano la quinta edizione di Italia Gioca. Si comincia giovedì 5 luglio, alle 21, nella centralissima location della manifestazione, lo Stadio del Mare, sulla spiaggia di Largo Mediterraneo. Dopo la cerimonia di apertura, con gli inni, i saluti istituzionali, la sfilata dei giocatori e la presentazione dei Comuni partecipanti, parte la grande festa “Abruzzo mari e monti accoglie l’Italia che gioca”.

La seconda giornata, venerdì 6 luglio, segna l’inizio delle sfide vere e proprie: le semifinali partono alle ore 16.30 e proseguono la sera, a partire dalle 21, sempre allo Stadio del Mare. La sessione pomeridiana riprende sabato 7 luglio; la sera alle 21 via alla finalissima. A Italia Gioca Pescara 2018 sono iscritte 16 squadre in rappresentanza di 14 regioni italiane, il numero più alto di sempre. Come accade in ogni città ospitante, anche a Pescara i giocatori dei 16 Comuni in gara si presentano all’appuntamento accompagnati da un nutrito gruppo di familiari e supporter. Divertimento puro, correttezza, aggregazione, diffusione dei patrimoni regionali e attenzione per il sociale sono da sempre le parole d’ordine di Italia Gioca e di tutte le associazioni che, nei rispettivi Comuni, danno vita ai giochi di piazza. Cuore dell’Abruzzo moderno, Pescara ha sedotto il Comitato artistico nazionale del network Italia Gioca anche grazie alla passione, alla professionalità e all’esperienza di Castellamare in Festa, l’associazione che da vent’anni organizza in città i giochi di Colli senza Frontiere.

Le rappresentative partecipanti a Italia Gioca Pescara 2018 sono:

Verbania per il Piemonte; Dalmine per la Lombardia; Valdisole per il Trentino Alto Adige; Val Cosa Meduna per il Friuli Venezia Giulia; Cartigliano per il Veneto; Moconesi per la Liguria; Parma e San Prospero per l’Emilia Romagna; Castelfranco Piandiscò per la Toscana; San Felice Circeo per il Lazio; Pescara per l’Abruzzo; San Giorgio Jonico per la Puglia; Salerno e Saviano per la Campania; Castrovillari per la Calabria; Pescopagano per la Basilicata.

La squadra di Valdisole, vincitrice a Cagliari nel 2017, e Pescara, città ospitante, hanno accesso di diritto alla finale di sabato 7 luglio.

Le squadre sono divise in due gruppi: Centro Nord e Centro Sud. Nella semifinale del centro Nord gareggiano: Cartigliano (Veneto); Dalmine (Lombardia); Meduno (Friuli Venezia Giulia); Moconesi (Liguria); Parma (Emilia Romagna); San Prospero (Emilia Romagna); Verbania (Piemonte). Nella semifinale del Centro Sud si sfidano Castelfranco Piandiscò (Toscana); Castrovillari (Calabria); Pescopagano (Basilicata); Salerno (Campania); San Felice Circeo (Lazio); San Giorgio Jonico (Puglia); Saviano (Campania). Al termine delle semifinali, che prevedono giochi uguali per entrambi i gruppi, viene stilata la graduatoria provvisoria. Hanno accesso alla finale del 7 luglio i team classificati ai primi tre posti in ciascuna semifinale e il miglior quarto di entrambe le semifinali. Nel caso in cui una regione sia rappresentata da più di un team, va in finale solo quello con il miglior punteggio. Ogni squadra ha disposizione un jolly (da sfoderare una sola volta nelle semifinali e una nelle finali) che raddoppia il punteggio ottenuto. Il fil rouge è previsto sono nella serata finale. Ciascuna squadra è composta da due accompagnatori (un allenatore e un dirigente) e quattordici concorrenti maggiorenni di entrambi i sessi, con un massimo di nove unità per genere. Ogni squadra sceglie il proprio capitano. La prima classificata vince il trofeo Italia Gioca, mentre tutti i concorrenti ricevono un ricordo della loro partecipazione.

Il tema scelto per Italia Gioca 2018 è “Abruzzo: tradizioni dai monti al mare”. L’evento si svolge allo Stadio del Mare, nel cuore della città, e nella piscina realizzata ai piedi del palco. Largo Mediterraneo ospita anche il “Villaggio delle eccellenze”, con i prodotti enogastronomici e artigianali tipici dell’Abruzzo. Italia Gioca Pescara 2018 ha anche una mascotte – il simpatico Cino, in onore dell’arrosticino, il famoso spiedino di carne ovina – e un inno, “Insieme per la vittoria”, composto da Simone D’Alessandro. Da d’Annunzio a Flaiano, dalla ruzzola alla paranza, dalla raccolta delle olive al matrimonio scannese, dalla conca alle sise delle monache, nel campo di gara vengono celebrati luoghi, personaggi e costumi che esprimono le eccellenze della regione più verde d’Europa. Tutti giochi si avvalgono di attrezzature, fondali e costumi rigorosamente fatti a mano, uno ad uno, dai volontari dell’associazione. E proprio al prezioso e imprescindibile lavoro dei volontari l’associazione Castellamare in Festa rivolge un pensiero speciale: “Grazie a tutti i volontari che ci hanno coadiuvato e che sono la forza di questa iniziativa – dice Lamberto Mambella, componente dello staff organizzativo – Siamo ancora convinti, dopo oltre 20 anni di giochi, di avere un preciso ruolo sociale ed è questo lo spirito che ci ha sempre animato e che ci permette anche oggi di presentarci con orgoglio alla vetrina nazionale di Italia Gioca”.

Italia Gioca, collegata al circuito internazionale Jeux sans Frontiéres, è promossa dalle associazioni aderenti al network Italia Gioca ed è nata per esaltare gli aspetti importanti dello sport e dello stare insieme, rafforzare i legami tra uomini e culture differenti, proteggere, tutelare e promuovere le tradizioni e il ricco patrimonio culturale italiano. I giocatori arrivano da tutta Italia, uniti dalla passione per il significato universale del gioco, le città ospitanti ricevono grande visibilità, per questo l’appuntamento estivo offre ricadute turistiche ed economiche importanti e raccoglie il crescente interesse di sponsor ed enti locali.

La tappa pescarese è organizzata dall’associazione Castellamare in Festa, con il supporto del Comitato Artistico di Italia Gioca e con la collaborazione di Comune di Pescara, CONI e CSEN. Altri patrocini: le Regioni Abruzzo e Campania, la presidenza dei Consigli Regionali Puglia e Veneto, la Provincia di Pescara, i Comuni di Castrovillari, Dalmine, Meduno, Sequals, Travesio, Moconesi, Pescopagano, Salerno, San Prospero, Saviano, Castelfranco Piandiscò, Verbania, San Felice Circeo, San Giorgio Jonico, Cartigliano, Comunità della Valle di Sole, la Camera di Commercio Chieti-Pescara, la Confcommercio e la Confesercenti di Pescara, l’IPA (International Police Associaciation).