CONDIVIDI

Nasce a Caprara di Spoltore “La Casina nel Parco”: si tratta del centro polifunzionale, già inaugurato lo scorso anno, realizzato recuperando i vecchi spogliatoi del campo sportivo di Caprara. Nell’ultimo consiglio comunale, tuttavia, gli è stato dato un nome e soprattutto un regolamento per la gestione e l’utilizzo. Si tratta di una struttura di 50 metri quadrati (circondata da un piazzale in cemento poco più grande) all’interno dell’area verde che circonda la Villa Acerbo. E’ dotata anche di ripostiglio, servizi igienici e gas per la cottura di cibi. Le aree verdi annesse alla Casina nel Parco sono dotate di spazio attrezzato con panchine, tavoli da pic nic, barbecue, giochi, illuminazione pubblica. “L’amministrazione comunale” spiega il sindaco Luciano Di Lorito “nell’intento di favorire la vita delle libere forme associative vuole consentire che il centro polifunzionale di proprietà comunale venga dato uso a enti, comitati o associazioni locali per attività sociali, culturali, artistiche, ricreative”. “Un ringraziamento è doveroso a Lorenzo Mancini, assessore nella passata consiliatura, che per primo ha avuto l’idea di recuperare questo spazio e di dargli la funzione ricreativa e sociale che abbiamo in mente” aggiunge l’assessore Chiara Trulli. “L’obiettivo è fare della Casina nel Parco il fulcro di una serie di attività che possano fare da volano per lo sviluppo turistico del borgo di Caprara, andando ad identificare, anche simbolicamente, tutta la frazione con lo splendido parco che la caratterizza”. Il regolamento pertanto stabilisce i principi per garantire a tutti l’accesso al bene: sono previste concessioni in uso temporaneo, ovvero per un periodo di tempo limitato, oppure un comodato d’uso gratuito con gestione, che affida dunque allo stesso soggetto anche la cura del bene. In attesa del bando, per i prossimi tre mesi “La Casina nel Parco” è affidata alla Pro Loco di Caprara: a loro il compito di custodire, pulire e allestire gli spazi, oltre a controllare il corretto svolgimento delle attività di ristoro (è vietato il consumo di alcolici). Le richieste di utilizzo del centro polifunzionale vanno comunque inviate al protocollo del Comune, almeno 15 giorni prima della data prevista per l’utilizzo, con i modelli predisposti dall’Ente. Sono previste tariffe agevolate per gruppi sportivi, associazioni iscritte all’albo comunale, sindacati, partiti politici. L’amministrazione può inoltre concedere gratuitamente la casina nel parco alle scuole, alle associazioni di volontariato o in altri casi giudicati di interesse rilevante per la cittadinanza. Le tariffe saranno stabilite dalla giunta nelle prossime settimane.

CONDIVIDI