CONDIVIDI

Grande commozione, ieri sera, nella Sala Consiliare del Comune di San Giovanni Teatino. L’Amministrazione Comunale, infatti, ha incontrato tutti gli Enti, le Forze dell’Ordine e le Associazioni che, lo scorso dicembre, hanno partecipato alle ricerche e al ritrovamento di Enrico Natali. La figlia di Natali, Alessia, alla presenza del Sindaco Luciano Marinucci, del Vicesindaco e Assessore alla Protezione Civile Giorgio Di Clemente e dell’Assessore allo Sport Roberto Ferraioli, ha ringraziato con emozione tutte le persone che si sono adoperate per cercare suo padre, a partire dalla notte fra il 20 e il 21 dicembre fino al pomeriggio del 23. All’incontro ha partecipato anche lo stesso Enrico Natali, accompagnato dai familiari.

“Questa vicenda – ha detto il Sindaco Luciano Marinucci – ha messo in moto una macchina di solidarietà, collaborazione, senso del sacrificio, che ha convolto Enti, Forze dell’Ordine, Volontari, in uno sforzo straordinario. Per questo motivo abbiamo voluto incontrare tutti e stringerci di nuovo in quell’abbraccio positivo di appoggio reciproco e di cooperazione”.

“Nel pomeriggio del 23 dicembre scorso, dopo tre giorni di ansia, abbiamo avuto la notizia che aspettavamo: Enrico Natali era stato trovato ed era stato trovato vivo – ha sottolineato il Vicesindaco Giorgio Di Clemente – e gli artefici di questo miracolo sono tutte le persone che, lavorando giorno e notte, si sono spese nelle ricerche”.

“Rivedere tutte le persone che ci hanno aiutato in quei giorni – ha spiegato Alessia Natali – mi fa rivivere momenti drammatici che, per fortuna, si sono risolti nel migliore dei modi. Ringrazio tutti a nome di mio padre, mio e della mia famiglia”.

Enrico Natali, 66 anni, affetto da una patologia degenerativa che gli fa perdere il senso dell’orientamento, uscì di casa facendo perdere le sue tracce tra giovedì 20 e venerdì 21 dicembre scorsi. Prima che il telefono cellulare si scaricasse riuscì a chiamare i familiari che diedero subito l’allarme. Le ricerche proseguirono per tre giorni che il signor Natali trascorse intrappolato tra i rovi di un fosso dove ere scivolato. Un luogo poco visibile e raggiungibile, nelle campagne di San Giovanni Teatino nei pressi di via Solagna e via Elcine. Dopo tre notti all’addiaccio, nel pomeriggio di sabato 23 dicembre, antivigilia del Natale, alle 16 circa, Riccardo Caldarelli, Alessio Chicchiricò e i loro colleghi dell’Enduro Club Sahara Project Pescara trovarono il signor Enrico Natali intrappolato, ma in buone condizioni. L’uomo è stato soccorso e trasportato in elicottero all’ospedale di Chieti dove è stato curato e reidratato, potendo poi trascorrere il Natale in famiglia.

Grazie a

Prefettura di Pescara, Sala Operativa della Regione Abruzzo, Comune di Pescara, Comando prov.le Carabinieri di Pescara, Comando prov.le Carabinieri di Chieti, Comando Stazione Carabinieri di Sambuceto, Questura di Pescara, 11° Reparto Volo della Polizia di Stato di Pescara, Comando Prov.le Vigili del Fuoco di Pescara, Comando Prov.le Vigili del Fuoco di Chieti, Comando Polizia Municipale di Pescara. Comando Polizia Municipale di San Giovanni Teatino, Enduro Club Sahara Project Pescara, Dott.ssa Gisella Orsini, Soccorso Alpino e Speleologico Pescara. Club Alpino Italiano Sezione di Penne, Protezione Civile Val Pescara, Modavi Pescara, A.E.O.P. Abruzzo Sezione provinciale di Pescara. Protezione Civile Molise, Associazione K9, P.E.A. Psicologia dell’Emergenza Abruzzo, P.I.V.E.C. Rescue Dog, Associazione Vigili del Fuoco in congedo Valli Teramane, Valtrigno Chieti, Associazione Nazionale Carabinieri Chieti, L’Aquila 2009, Nucleo Volontari Protezione Civile San Giovanni Teatino, Penelope Abruzzo, Volontaria Rosa Domenica Massimini, Comando Polizia Locale Gessopalena.