CONDIVIDI

Nella trascorsa giornata i poliziotti della Squadra Volante sono intervenuti presso una via del centro cittadino ove era stata segnalata un’aggressione all’interno di un’abitazione. I poliziotti, giunti tempestivamente sul posto, bloccavano R.T., pescarese di 26 anni, il quale, in evidente stato di alterazione psico-fisica, stava aggredendo i propri genitori. L’autore del fatto, tossicodipendente e con precedenti di polizia concernenti delitti contro la persona, veniva tempestivamente fermato dagli agenti intervenuti, i quali pertanto riuscivano ad evitare probabili tragiche conseguenze. Dagli immediati accertamenti investigativi è emersa una pregressa attività delittuosa del giovane, che era solito maltrattare i genitori e sottoporli a continue vessazioni, violenze, minacce e danneggiamenti in casa con richieste giornaliere di denaro necessario all’acquisto di sostanza stupefacente, di cui alcuni grammi venivano rinvenuti all’interno dell’abitazione. Il personale intervenuto, pertanto lo traeva in arresto in flagranza di reato per maltrattamenti in famiglia ed estorsione, ponendolo a disposizione dell’Autorità Giudiziaria in attesa del giudizio direttissimo. Nella mattinata odierna il G.I.P. di Pescara ha convalidato l’arresto con applicazione della misura  della custodia cautelare in carcere.

CONDIVIDI