CONDIVIDI

Omicidio volontario, violenza sessuale e abbandono di persona incapace. Concluse le indagini del pm Di Stefano per l’omicidio di Anna Carlini, la donna violentata e lasciata morire in un tunnel della stazione di Pescara il 30 agosto del 2017. Il rumeno ritenuto responsabile si trova nel suo paese di origine ed è stata presentata anche un’interpellanza parlamentare perchè si accelerinio i tempi di estradizione e di giustizia. Una giustiza per Anna più volte recalamata dalla sorella Isabella Martello