CONDIVIDI

Il NAS di Pescara prosegue l’attività di vigilanza in tutto l’Abruzzo nel settore della produzione delle birre artigianali.
A conclusione di un’attività ispettiva svolta sulla costa teramana i militari abruzzesi hanno segnalato alle Autorità sanitaria ed amministrativa il legale responsabile di un birrificio artigianale per gravi carenze igienico-sanitarie sequestrandone l’intera produzione costituita da oltre 41mila litri. Inoltre gli stessi militari appuravano gravi irregolarità nell’etichettatura, quali la mancanca dell’indicazione degli allergeni e la non conformità della data di scadenza.