CONDIVIDI

Fa tappa in Abruzzo (dal 24 al 29 giugno prossimi) la campagna “Il Piatto Forte”, con un tour di sensibilizzazione e screening sui rischi legati all’osteoporosi non trattata o sottovalutata. L’iniziativa, giunta alla terza edizione e patrocinata dalla Regione e dalla Simg (la società italiana di medicina generale), è promossa dalla Firmo, la Fondazione italiana per la ricerca sulle malattie dell’osso, in partnership con Amgen, Echolight e Senior Italia. L’obiettivo è duplice: da una parte accrescere il grado di conoscenza su questa patologia silenziosa e sottodiagnosticata, dall’altra sensibilizzare la popolazione sulle fratture da fragilità che oggi possono essere evitate attraverso un’adeguata prevenzione fatta di semplici regole: alimentazione corretta, attività fisica regolare e un trattamento farmacologico tempestivo. L’iniziativa vedrà eventi di uno-due giorni nelle piazze delle principali città abruzzesi e molisane, dove saranno collocati un gazebo e un camper che coinvolgeranno la popolazione in diverse attività: informazione e prevenzione, grazie alla presenza di medici specialisti e nutrizionisti che risponderanno alle domande dei cittadini e alla distribuzione di materiale educazionale; screening, mediante la compilazione di un questionario e con la valutazione gratuita del rischio di frattura attraverso la misurazione della densità minerale ossea da parte di personale specializzato. A bordo del camper sarà utilizzato l’innovativo dispositivo EchoS (sviluppato da Echolight, una società spin-off del Cnr, il Centro nazionale delle ricerche), il primo sistema per la diagnosi precoce dell’osteoporosi attraverso un semplice esame ecografico, rapido e accurato e senza l’utilizzo di radiazioni ionizzanti. Gli appuntamenti sono fissati per il 24 giugno ad Avezzano (piazza Risorgimento), 25 e 26 giugno a Pescara (piazza della Rinascita), 27 giugno a Chieti (largo Gian Battista Vico), il 29 giugno a Teramo (in piazza Martiri della Libertà). Il programma della manifestazione (che coinvolge anche il Molise, con un appuntamento in piazza Vittorio Veneto a Termoli, il 28 giugno) è stato presentato questa mattina a Pescara dalla presidente Firmo, Maria Luisa Brandi, dal direttore dell’Agenzia sanitaria regionale, Alfonso Mascitelli, dal professor Francesco Cipollone dell’Università di Chieti-Pescara e da Maria Luce Vegna, direttore medico di Amgen Italia. L’osteoporosi in Italia colpisce 4 milioni di persone con età superiore a 50 anni, di cui 3 milioni e 200mila sono donne e 800 mila uomini. Una prima frattura è associata a un rischio quintuplicato di fratture successive o ri-fratture. In Abruzzo e Molise si stima che almeno 200mila donne, con età superiore a 60 anni, soffrano di fragilità ossea, con aumento del rischio di fratture. Solo nel 2018, in Abruzzo, si sono registrati 1541 ricoveri per osteoporosi (con una degenza media di 13 giorni), oltre a 2200 ricoveri per fratture del femore.