CONDIVIDI

Consegnato al Porto Turistico Marina di Pescara, in un’apposita cerimonia alla presenza delle principali autorità politiche e marittime, il secondo dispositivo LifeGate PlasticLess Plasticless (il primo era stato installato a maggio) in grado di intercettare ed intrappolare plastiche e rifiuti galleggianti di piccole dimensioni.

Il progetto LifeGate intende contribuire alla diminuzione dell’inquinamento dei mari italiani attraverso la raccolta dei rifiuti plastici nelle acque dei porti e nei circoli nautici e a promuovere un modello di economia e di consumo circolare con lo scopo di ridurre, riutilizzare e riciclare i rifiuti, soprattutto i più dannosi per l’ambiente come le plastiche.

Dopo la posa di diversi dispositivinei porti di Marina di Varazze, Marina di Cattolica e Venezia Certosa Marina, nel 2019 il progetto si è ampliato coinvolgendo numerosi punti chiave dei litorali italiani, tra cui per la seconda volta il Porto Turistico Marina di PESCARA, a dimostrazione di quanto sia sentito sulla costa Adriatica l’impegno per la cura del mare.

Il Marina di Pescara è uno dei porti più attenti dal punto di vista della sostenibilità: già dal 2014, si è dotato di contenitori per la raccolta differenziata in accordo e coordinamento con la società pubblica che si occupa della raccolta rifiuti in città.

Successivamente sono state gradualmente sostituite tutte le lampade presenti sui pontili e nelle colonnine eliminando le vecchie a fluorescenza e rimpiazzandole con quelle a led. Sempre nel campo dell’illuminazione, sono stati effettuati due interventi di notevole impatto dal punto di vista della riduzione dei consumi; la sostituzione delle lampade della torre faro del parcheggio esterno (2018) e delle lampade del viale d’ingresso (2019).

Nei servizi igienici riservati agli utenti sono stati installati pannelli solari termici per la produzione di acqua calda. Dal punto di vista energetico, sono state avviate e concluse le procedure per ottenere dal GSE l’autorizzazione all’allaccio in rete di un impianto fotovoltaico della capacità di poco inferiore a 1 Megawatt, in grado di coprire in fase di produzione il fabbisogno energetico del Marina di Pescara e, a regime, delle attività commerciali presenti nel porto.

Infine, da ottobre 2018 è attivo un impianto di desalinizzazione e potabilizzazione a Osmosi Inversa, in grado di prelevare acqua dal sottosuolo ed erogarla alle utenze del porto, con un risparmio ambientale a regime di 35mila metri cubi di acqua potabile all’anno e con un costo di produzione a carico del Marina di Pescara inferiore del 75% rispetto al costo dell’acqua potabile erogata dalle strutture pubbliche.

Hanno partecipato alla cerimonia di consegna: il Sindaco di Pescara Carlo Masci, la Chief Marketing Officer Best Western Italia Sara Digiesi, il Vice Presidente della Camera di Commercio Chieti Pescara Carmine Salce, il Direttore del Marina di Pescara Bruno Santori, il CommunicationStrategistLifeGateCesare Delaini, il Capitano di Vascello Direttore Marittimo della Guardia Costiera di Pescara Donato De Carolis, il Presidente Regionale SIB Riccardo Padovano.

Molto significativa la presenza degli studenti della scuola media Benedetto Croce di Pescara che ha presentato i progetti di riuso artistico della plastica raccolta in mare.

Dichiarazioni

Carmine Salce, vice presidente Camera di Commercio Chieti Pescara:

“Per la Camera di Commercio Chieti Pescara, il porto turistico èun motivo di vanto, ma come tale ha bisogno di costanti attenzionie di un impegno continuo sui temi della sostenibilità ambientale.Attraverso il Marina, la Camera di Commercio declina azioni virtuosein vari campi, come quello del consumo delle risorse, quello del correttociclo dei rifiuti o quello energetico, e questo nuovo dispositivo aggiungeun ulteriore tassello al mosaico che si va componendo e che poneil nostro porto turistico ai vertici nazionali per livello di rispetto dell’ambiente”.

Bruno Santori, direttore Marina di Pescara:

“Siamo molto onorati del fatto che il Marina di Pescara sia stato individuato comesede per ospitare un secondo dispositivo Seabin, e questo è avvenuto grazie allafondamentale iniziativa della Capitaneria di Porto di Pescara ed alla catenaalberghiera Best Western che ha creduto all’iniziativa. Siamo l’unico portoturistico in Italia ad ospitare due Seabin, a testimonianza del fatto chesventolare la Bandiera Blu fin dal 1990 sta a significare che l’impegnoa salvaguardia dell’ambiente, quello marino in particolare, è un work in progresscostante che ci pone di fronte ogni anno a obiettivi sempre più ambiziosi”.