CONDIVIDI

Il 14 dicembre scorso a Pescara, presso la Sala Tosti dell’Aurum, si è svolto l’evento “Il sogno della Città Giardino“, con grande partecipazione e con interventi tecnici e scientifici di alto livello. Organizzato da Conalpa Pescara-Chieti, AIAPP Abruzzo-Molise e Liceo Artistico MIBE di Pescara, ha avuto il patrocinio del Comune di Pescara, di italia Nostra Pescara e di Pro Natura Abruzzo. Nella mattinata si sono susseguite le interessanti relazioni degli esperti intervenuti, coordinati dalla presidente Annalisa Petrucciani del Co.n.al.pa. Pescara – Chieti. La dirigente del Liceo Artistico MIBE nel suo intervento iniziale ha sottolineato quanto sia importante per la scuola e e per i ragazzi lavorare sullo studio del paesaggio e contribuire al suo restauro. Il botanico-paesaggista Alessia Brignardello ha illustrato scientificamente il ruolo della forestazione urbana spiegando le varie strategie per migliorare il verde urbano e rendere la città un luogo di alta qualità ambientale e una cittá-giardino capace di mitigare e adattarsi al cambiamento climatico attraverso la pianificazione delle nature based solutions. Il curatore e restauratore di giardini Alberto Colazilli ha spiegato tecnicamente quali sono le fasi per restaurare e riqualificare un giardino in ambito urbano e periurbano, attraverso il gioco di squadra e la sinergia tra esperti di varia formazione scientifica e tecnica. La biologa e botanico Pierlisa Di Felice ha raccontato la storia naturalistica del paesaggio pescarese e gli sviluppi della città giardino di pescara tra Ottocento e Novecento, con sullo sfondo la Pineta d’Avalos e i pini d’Aleppo pescaresi; la dottoressa forestale Caterina Artese ha spiegato scientificamente il valore botanico e naturalistico del paesaggio pescarese, della gestione degli alberi pescaresi, dei pini d’Aleppo, parlando dell’ecologia della pineta e delle tante piante rare che sono presenti nell’area protetta.

A seguire i ragazzi del Liceo Misticoni-Bellisario hanno presentato al pubblico il progetto del giardino artistico a cui stanno lavorando, coordinati dai prof. Emiliano Faraone e Silvia Pennese del Dipartimento di Arti Figurative. Il giardino sarà arricchito di specie autoctone scelte dopo un’attenta analisi tecnico-scientifica sul terreno, ci sarà un laghetto che sfrutterà la presenza di una falda superficiale e da utilizzare per la raccolta di acqua piovana. Poi sono stati mostrati i vari studi del giardino, dai disegni fino alle creazioni di sculture per l’abbellimento e le varie installazioni artistiche da inserire. Infine i rendering e le simulazioni al computer per mostrare come diventerà il giardino.

“Siamo soddisfatti per questo splendido evento”, spiegano gli organizzatori, “Le scuole hanno un ruolo importantissimo per fare ricerca sul territorio e per educare alla bellezza. Il progetto del giardino artistico è in continuo sviluppo e crediamo molto in una evoluzione verdeggiante di Pescara. La città giardino può diventare una realtà attraverso la combinazione di arte, scienza, botanica, ecologia ed educazione ambientale”.

A fine evento c’è stato il buffet offerto dalla società PA.DA. che ha allietato ospiti e alunni. Intervenuto anche il Sindaco di Pescara Carlo Masci per le conclusioni e il brindisi finale in segno di buon auspicio per la città giardino pescarese. Una bellissima mattinata, contornata di positività, che ha valorizzato la cultura del giardino contro il degrado del territorio.

CONDIVIDI